Back to top

Il taglio del sigaro dovrebbe essere effettuato appena al di sopra della linea dove il gorro(*) incontra la fascia, in modo da creare un’apertura sufficientemente ampia per garantire un tiraggio libero, pur mantenendo abbastanza perillia per non disfare la fascia.

Esistonovari strumenti per tagliare un Habanos e prendono il nome di cortaperillas. Il più famoso è la ghigliottina con una o due lame. Esiste anche la forbice speciale per i sigari; un altro tipo è il “cortador de troquel” con il suo coltello circolare: questo elimina la perilla(*) del sigaro, ed ha il vantaggio di conservare la forma della stessa anche se con dei limiti, come nel caso dei figurados(*). Non sono raccomandabili strumenti come taglio a forma di “V”, che tendono a rompere il gorro. Non si deve nemmeno perforare il gorro con un fiammifero o un stuzzicadenti, visto che con questo si comprimerà la tripa(*) formando un nodo che impedirà la boccata del sigaro. Non rimuovere la anila, potrebbe rovinarsi la capa.

(*)

Gorro: parte della foglia di capa(foglia si tabacco che avvolge il sigaro) che viene posta alla sommità della testa del sigaro. Viene usato principalmente per i sigari d’esportazione.

Perilla: la testa del sigaro.

Figurados: un sigaro con una forma irregolare.

Tripa: il ripieno del sigaro, miscela di due,tre o quattro diversi tipi di foglie di tabacco.

(*)

 

** Cfr: Diadema s.p.a, COME NASCE UN HABANO, Genova, pg. 31