Back to top

Risulta sempre complicato per i meno esperti districarsi all’interno delle varie terminologie, specialmente quando queste risultano essere terribilmente simili; e lo sappiamo bene, il mondo del sigaro cubano ha una curva di apprendimento parecchio impegnativa.

Il caso della Vitola calza a pennello con quanto detto: tanta confusione, abbastanza ingiustificata in realtà. Basta forse un piccolo approfondimento per chiarire le idee ai più?

Cosa sono allora queste “Vitola”? La spiegazione è in realtà molto semplice.

La vitola de galera

La vitola de galera non è altro che il “modello” del sigaro.
I sigari cubani (e comunque i sigari caraibici in genere) sono rappresentati generalmente da formati “comuni”, ossia una determinata lunghezza ed un preciso diametro, comuni a tutte le fabbriche.

Alcuni esempi di vitola de galera sono per esempio la Dalia (170mm, cepo 43), il Robusto (124mm, cepo 50) od il Churchill (192mm, cepo 47).

La vitola de fábrica (o salida)

Ebbene si, vitola de fábrica vitola de salida non sono altro che due nomi utilizzati per indicare la stessa cosa.

La vitola de fábrica (o salida) indica semplicemente il nome “commerciale” che viene attribuito ad un sigaro, come per esempio “Epicure No.2” oppure “Serie D No.4”.

Crea però confusione il fatto che spesso, la vitola de fábrica (quindi il nome commerciale) corrisponda alla vitola de galera (il modello).
Un esempio molto comune può essere il Cohiba Robusto; in questo caso il termine Robusto indica contemporaneamente la vitola de fábrica (o salida) e la vitola de galera.