Back to top
Marca Nome Origine Capa Capote Tripa Vitola de galera (dimensioni)
Partagas vitola de salida: 898 Cuba Cuba Cuba Cuba Dalia (170×43)

Il Partagas 898 è un Dalia, per cui le dimensioni sono 170 mm di lunghezza per cepo 43. Un formato tanto bello ed elegante quanto fuori moda, soppiantato dai sigari “chubby”, ovvero corti e tozzi, spesso e volentieri con cepo superiore a 50.

L’origine del nome di questo sigaro è curiosa. Esso fa riferimento alla disposizione dei sigari all’interno delle scatole da 25 pezzi. Essi sono disposti su tre file: nella prima fila, ovvero quella più in alto che si vede aprendo il box, vi sono 8 sigari. La fila intermedia invece è composta da 9 sigari mentre l’ultima, quella sul fondo, da 8. Da qui il nome 898. Partagas è una marca nota per produrre sigari molto forti ed intensi. L’898, pur non essendo il più forte tra i Partagas, non è certo l’eccezione alla regola. Si tratta di un sigaro tutto meno che leggero, da buon Partagas. La fascia, di tonalità colorado, è priva di difetti. Il riempimento è omogeneo mentre il tiraggio a crudo, dopo un taglio generoso, è aperto.
Nel primo tercio, il Partagas 898 si caratterizza per aromi di legno e terra. La forza, già media, è accompagnata da intensità e persistenza entrambe medio-alte. La fumata si preannuncia da subito ricca ed intensa. Il gusto è leggermente amaro. Nel settore centrale di fumata il gusto diventa sapido, a tratti dolciastro, mentre l’amaro scompare. Gli aromi terrosi si affievoliscono e il legno sale in cattedra.
Si aggiungono note di frutta secca che rimandano alla mandorla e tostatura. La forza diventa medio-alta mentre persistenza ed intensità aromatica raggiungono livelli elevati. Nel passaggio tra secondo ed ultimo tercio ecco che compaiono le spezie (pepe nero). La frutta secca scompare in favore del legno mentre il gusto, già sapido, torna ad essere, a tratti, leggermente amaro. Le spezie ora sono in primo piano Gli ultimi centimetri sono poderosi.
La forza nicotinica è alta, così come lo sono anche persistenza ed intensità. Una chiusura di fumata forte, intensa ed estremamente soddisfacente. La forza di questo sigaro non deve però trarre in inganno. L’898 non è assolutamente scomposto o sbilanciato, anzi. La fumata è molto equilibrata dall’inizio alla fine. L’elevata forza nicotinica è bilanciata da un’intensità aromatica sempre ad alti livelli. Il tiraggio è aperto mentre la combustione non è stata perfetta. Tra il secondo e l’ultimo tercio si è resa necessaria una correzione del braciere. In conclusione, l’898 è un purosangue Partagas dotato di grande equilibrio ed eleganza. Un sigaro che difficilmente vi deluderà se siete alla ricerca di una fumata forte, intensa ed appagante.
Si consiglia di fumarlo a stomaco pieno.

Foto e testo di Massimiliano Palladini